Buon Natale

E così è Natale. Prima di tutto, auguri a tutti i frequentatori del blog. E mi fermo qua, perchè francamente l’ eloquenza non è una delle mie doti maggiori.
Tornando alle cose nostre, i capponi sono stati sacrificati. Il peso pulito era 2,7 Kg, penso di potermi ritenere soddisfatto, soprattutto perchè non hanno mangiato schifezze. Nel disossarli mi sono fatto aiutare ma il risultato è stato poco buono, la suocera dovrà ricorrere alla rete da arrosto se vuole imbottirlo, pazienza. Le puntarelle aspettano solo di essere raccolte, lavate e condite, quindi i prodotti natalizi sono a posto. Per il resto tutto procede secondo copione, ho piantato le cipolle bianche che saranno pronte a maggio ed un pò di lattuga sotto il tessuto-non tessuto, così vediamo anche se cresce meglio. Questo inverno comunque è freddo davvero, almeno per quelle che sono le abitudini dalle mie parti.
La coniglia sarà incinta? Chissà, cercherò di tenere il blog aggiornato da casa ma la connessione è un problema ed è ancora presto per dirlo. Speriamo ni faccia il regalo di Natale, perchè sono ansioso di cominciare sul serio con i conigli.
Non mi resta che rinnovare gli auguri a tutti, senza distinzione di religione, razza, ceto sociale, appartenenza politica, colore dei capelli o lunghezza della barba, perchè Natale è solo una bellissima occasione x stare vicino alle persone che si amano in tranquillità, e di questi periodi sicuramente ce n’è bisogno assai.

Buon Nataleultima modifica: 2008-12-23T10:28:00+01:00da hazydavey
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Buon Natale

  1. E’ per “dargli la morte” che vengono cresciuti. Non si tratta affatto di dare la morte. L’ animale viene allevato appositamente per essere mangiato. Una bella differenza con il cacciatore, che uccide sempre per giocare, come dice una grande canzone.

  2. La canzone era bufalo bill, di De Gregori.

    Nel caso dei polli no, difficile affezionarsi. Non fanno altro che mangiare e razzolare nel loro stesso sporco. Con i conigli è diverso, ad esempio. Non so ancora se riuscirò ad ucciderli io stesso, è probabile che dovrò chiedere un favore a qualcuno.

    La differenza fra caccia e allevamento è tanta, per il mio punto di vista. Io disprezzo profondamente la caccia, ad esempio, nonostante non mi faccia alcun problema ad allevare polli. Sono punti di vista, ma ognuno ha il suo e va rispettato. Io però penso che ogni volta che produco un pollo a casa, l’ ho sottratto ad un metodo di allevamento barbaro: La destinazione finale è sempre la stessa, ma almeno si può rendere la vita del pollo meno miserabile

  3. Hai gia’ messo le cipolle? pero’! io a marzo, se dovessi metterli prima, dovrei usare il piccone, dalle mie parti te lo sogni, pero’ ogni cosa a suo tempo, prima il maiale, poi la cipolla. Ahn!
    Per troppobarba: tolstoj diceva che se i mattatoi avessero le pareti di vetro, saremmo tutti vegetariani. Quindi se tu mangi carne di altri animali, credimi, sei peggio di un contadino che alleva il proprio animale amorevolmente, l’animale vive contento, e poi giunge la morte subito, nella maniera contadina, che e’ ben diversa da quella industriale (io ne so e anche troppo purtroppo). L’unica cosa che veramente mi da’ fastidio, e’ l’eccesso di carne che si magna al giorno d’oggi. Bisogna portar rispetto a tutto per tutto. Verdure e frutti compresi.
    Ciao!

  4. Troppobarba, ciao, io lascio tutte le scelte delle altre persone, ma non accetto nessun estremismo, quindi per me essere vegetariani e’ estremismo, si puo’ mangiare un buon panino al salame del maiale di casa tua, anche una volta la settimana, oppure costole di maiale di casa tua una volta ogni 3 mesi. Altrimenti i vegetariani non possono dirsi tali se magnano pesce, come lo dicono molti amici miei. E i vegetariani non dovrebbero aver nessun minimo di rapporto nutriente con gli animali, tipo le uova e i formaggi.
    Io pedalo ogni giorno 25 km, quando c’e’ il sole, ma quando piove, vado in macchina, e cosi’ non si tratta di estremismo, ma di buon principio. Con questa crisi poi. ciao!

Lascia un commento